Oggi, 2 novembre, è il giorno della Commemorazione dei Defunti, nel calendario liturgico cattolico, ed è giorno festivo in Brasile. Le campane del vicino convento stanno suonando a martello.
Il 1° novembre è la Festa di Ognissanti ma, in realtà, è in quel giorno che in Francia e in Italia si celebrano i Morti. In Brasile è invece un giorno lavorativo.

   Un giorno vale l’altro. Il tempo esiste solo per noi, che siamo ancora vivi, e che rievochiamo chi ci ha preceduto.
Lo faccio con questi versi, tratti da Il tempo ormai breve di Franco Marcoaldi.
Scegliete voi, quelli che preferite.

Caldo sole autunnale, ruzzare
giocondi di cani, inebriante
profumo di eleagnus fiorito,
un morbido tonfo di cachi vaniglia
sul prato: il giorno ideale per morire
appagato.
(Il giorno ideale)

Che dici? Se ti abbraccio forte,
forte, ho qualche chance in più

di scampare dalla morte?
(La potenza dell’abbraccio)

IMG_0729
Autunno

Grazie a Carla, che mi manda questo presente
e che mi ricorda il valore altamente simbolico dell’albero di cachi.
Il frutto
essiccato è inscindibile dal Capodanno giapponese.
Un albero di cachi è sopravvissuto
alla bomba atomica
lanciata su Nagasaki
il 9 agosto 1945

E i nostri amici giardinieri
cosa ci raccontano di quest’albero così suggestivo?

Franco Marcoaldi, Il tempo ormai breve, Giulio Einaudi Editore, 2008

Annunci