Addentrarsi nelle pagine della Storia
… e non perdersi …
e avvicinarsi senza preconcetti
perché ci sono personaggi
ai quali nemmeno la morte
porta pietà.

Maria Antonietta, regina di Francia, è tra questi.

Sono passati più di due secoli
e ancora il suo ricordo non si discosta da quel
Se non hanno pane, che mangino brioches!
rivolto al popolo affamato.

Eppure, questa frase – che racchiude il vuoto del mondo –
il filosofo Jean-Jacques Rousseau, nelle sue Confessioni, la attribuisce,
si, ad una nobildonna, ma fa risalire l’aneddoto al 1741,
anni prima che Maria-Antonietta nascesse.

 il 16 ottobre 1793 … verso mezzogiorno
saliva al patibolo
Maria Antonia d’Asburgo-Lorena
Vienna 2 novembre 1755 – Parigi 16 ottobre 1793
Era figlia di Maria Teresa d’Austria e dell’imperatore Francesco I
(sorella dell’imperatore Giuseppe II, di Leopoldo Granduca di Toscana,
di Maria Carolina regina di Napoli e Sicilia,
di Maria Cristina governatrice dei Paesi Bassi, di Maria Amalia duchessa di Parma,
e prozia di Maria Leopoldina imperatrice consorte del Brasile).

 DSC00056


Qui
 un articolo (in francese) pubblicato nel numero 327 delle Annales historiques de la Révolution française, col titolo Utilisation didactique et politique du dire de Marie-Antoinette de nos jours

Annunci